Svelate le cause della morte di Cangrande della Scala

L’equipe di paleopatologia del professor Gino Fornaciari dell’Università di Pisa ha risolto un altro giallo del passato: a 700 anni di distanza, l’autopsia sul corpo mummificato di Cangrande della Scala, condottiero ghibellino e mecenate di Dante Alighieri deceduto improvvisamente a Treviso nel 1329, ha dimostrato che il signore di Verona morì per avvelenamento. «Le analisi hanno rivelato che Cangrande fu intossicato dalla somministrazione orale di un infuso o di un decotto a base di camomilla e gelso in cui era contenuta la digitale (Digitalis sp. forse purpurea) – spiega il professor Fornaciari .

per leggere l’articolo cliccare qua sotto
L’equipe di paleopatologia del professor Gino Fornaciari dell’Università di Pisa ha risolto un altro giallo del passato: a 700 anni di distanza, l’autopsia sul corpo mummificato di Cangrande della Scala, condottiero ghibellino e…
UNIPI.IT
Precedente Sondaggi elettorali Index Research: vantaggio record per il M5S - Termometro Politico Successivo Lo strano caso della villa del veggente di Medjugorje