Quello che Tillerson porta a Putin si chiama ‘ultimatum’

Il Segretario di Stato USA non va a trattare. Va a esigere la resa incondizionata, senza contropartite alla umiliazione e alla vergogna. [Maurizio Blondet]

per leggere l’articolo cliccare qua sotto
di Maurizio Blondet.
MEGACHIP.GLOBALIST.IT
Precedente USA, lo sceriffo è tornato - I Diavoli Successivo Bombardare per esistere | Contropiano