Più disoccupati e più precari, Unimpresa: “A rischio povertà 9,3 mln di italiani”

·
per leggere l’articolo cliccare qua sotto
ADNKRONOS.COM
 Dunque è sempre più estesa l’area di disagio sociale che non accenna a restringersi. Dal 2015 al 2016 altre 105mila persone sono entrate nel bacino dei deboli in Italia: complessivamente, adesso, si tratta di 9 milioni e 347mila soggetti in difficoltà. Crescono in particolare gli occupati-precari: in un anno, dunque, è aumentato il lavoro non stabile per 28mila soggetti che vanno ad allargare la fascia di italiani a rischio
Precedente La storia dei "taxi per migranti" - Il Post Successivo Il calendario lunare del mese di maggio. Tutti i lavori e i trapianti da fare